Prospettive Sociali e Sanitarie

Rivista dell’Istituto per la ricerca sociale

[Da più di 45 anni, la rivista di riferimento per amministratori, dirigenti e operatori dei servizi sociali e sanitari]L’esperienza di Prospettive Sociali e Sanitarie prende l’avvio nel 1971, all’inizio di un decennio in cui le iniziative per la riforma dei servizi sociali e sanitari conseguivano alcuni importanti traguardi: il dpr 616 e la l. 833 in particolare. La rivista è stato un importante strumento per tale battaglia e da allora è testimone critico e interlocutore attivo delle politiche e degli sviluppi dei servizi socialie sanitari, a livello tanto istituzionale e legislativo quanto delle singole esperienze, presentate e valorizzate per stimolare la comunicazione, il confronto, l'innovazione.
Prospettive Sociali e Sanitarie è quindi strumento di riflessione, orientamento e lavoro per amministratori, dirigenti dei servizi, operatori sociali e sanitari sensibili e attenti, e accompagna anche gli studenti nei corsi di formazione alle professioni sociali. Dal 1995 la rivista è edita dall’IRS, diretta da Emanuele Ranci Ortigosa (direttore responsabile), e da Ugo De Ambrogio e Sergio Pasquinelli (vicedirettori), affiancati da una redazione e da un comitato scientifico. La rivista conta, inoltre, su un folto gruppo di qualificati collaboratori nei servizi che, tramite i contributi relative alle loro esperienze lavorative, mantengono vivo lo scambio e il dibattito sulla rivista.

Nel 2012, PSS ha abbandonato la storica periodicità quindicinale per diventare un mensile, con un aumento delle pagine e quindi un arricchimento e approfondimento dei contenuti.
Nel 2013, al passo con i tempi, oltre ai già esistenti pagina Facebook, profilo Twitter, e canale Vimeo, Pss si è aperta ai social network con il blog “Scambi di Prospettive” e con le pagine Linkedin e Issu.
Dal 2014 il percorso di digitalizzazione della rivista ha portato alla sua trasformazione in cartaceo trimestrale abbinato a fascicoli mensili in pdf caricati online sul sito. La possibilità di accedere a tali fascicoli è riservata agli abbonati e ovviamente compresa nel prezzo dell'abbonamento. A questa possibilità si aggiunge quella di accedere a tutti i fascicoli online: arretrati dal 1996 e dell'anno in corso.
Dal 2017 la rivista esce come cartaceo trimestrale e rimane la possibilità, tramite l'abbonamento PRO di accedere ai fascicoli online arretrati dal 1996.

Direzione

Emanuele Ranci Ortigosa (direttore responsabile)
Ugo De Ambrogio,
Sergio Pasquinelli (vicedirettori)

Redazione

Francesca Susani (caporedattore)
Claudio Caffarena, Ariela Casartelli, Roberto Cerabolini, Diletta Cicoletti, Valentina Ghetti, Francesca Merlini, Daniela Mesini, Maurizio Motta, Paolo Peduzzi, Franco Pesaresi, Dela Ranci Agnoletto, Remo Siza, Giorgio Sordelli, Patrizia Taccani

Comitato scientifico

Paolo Barbetta, Alessandro Battistella, Luca Beltrametti, Teresa Bertotti, Paolo Bosi, Annamaria Campanini, Maria Dal Pra Ponticelli, Maurizio Ferrera, Marco Geddes da Filicaia, Cristiano Gori, Antonio Guaita, Luciano Guerzoni, Francesco Longo, Gavino Maciocco, Marco Musella, Franca Olivetti Manoukian, Giuseppe A. Micheli, Nicola Negri, Fausta Ongaro, Valerio Onida, Marina Piazza, Costanzo Ranci, Chiara Saraceno, Maria Chiara Setti Bassanini, Antonio Tosi